Tre Fratelli

Quella di Fratelli Rossetti è una bella storia imprenditoriale italiana che ha inizio nel 1953.
Non è solo la storia di un’azienda, è quella di una famiglia: un capostipite, Renzo Rossetti, che non ha mai lasciato l’impresa, una moglie, la signora Lisetta, anch’essa attivamente impegnata in azienda ed i loro tre figli, con vocazioni e competenze diverse, ma uniti nel rispetto della tradizione aziendale.
Diego s’inserisce nell’azienda di famiglia nel 1978, occupandosi del settore commerciale, in particolare dello sviluppo di mercati stranieri e dell’estensione della rete retail monomarca in Italia e all’estero. Con lui Fratelli Rossetti è stata la prima casa di moda italiana ad affacciarsi su Madison Avenue a New York. Oggi è Presidente dell’Azienda.
Nel tempo libero si dedica alla fotografia ed alla realizzazione di attività filantropiche, impegnandosi in prima persona nella creazione di una casa accoglienza per bambini in Nepal.
Dario inizia ad occuparsi dell’area stilistica nel 1981, sbocco naturale dopo la sua formazione artistica ed i corsi della scuola calzaturiera. Amante dell’arte, collezionista d’antiquariato ed appassionato d’auto d’epoca, si diletta a visitare mostre e i più caratteristici mercatini, dove trova anche l’ispirazione per nuove creazioni da inserire nelle collezioni.
Negli anni Novanta, ancor prima di laurearsi all’Università Bocconi di Milano, Luca è subito coinvolto nel controllo gestionale, apportando notevoli e continui miglioramenti nei processi aziendali. Oggi ricopre il ruolo di Amministratore Delegato e si occupa, in particolare, delle attività di marketing e sviluppo collezioni. Crede nella continua formazione e nel rinnovamento che il settore moda necessita per riuscire a catturare nuove tendenze. Amante dei viaggi, è anche un appassionato runner: gira il mondo per partecipare a maratone internazionali, come quelle di New York, Boston, Chicago.
Diego, Dario e Luca sono il nuovo motore generazionale dell’azienda, perseguendo la tradizione ma anche aprendosi ad un nuovo ed inevitabile cambiamento.